Pierre Abélard

Incipit (22): 51. Il giardino

HumusLaura m. De Matteis

Image

Un ricciolo d’aria mi corre sulla schiena. Scivola lungo il sentiero e si attorciglia in un angolo dove le tombe accatastate lo intrappolano in un vortice gelido che raduna mucchietti di foglie e le sparpaglia di nuovo sulla strada che risale verso altre tombe, verso volti scavati nel marmo strappato dalle mie ossa – esseri immobili, dormienti e tristi in eterno secondo la misura di un’eternità umana, fino alla memoria della sabbia. Continua a leggere

Annunci

Incipit (13): 28. I seni

Il rapitore di stelleCaterina Falconi 

Image

Il sogno l’aveva svegliato. Quel sogno era la causa di tutto.

Aveva rivisto il libro di pergamena, ne aveva sentito il peso tra le mani, e s’era disperato di non riuscire a concentrarsi sulle pagine aperte, perché il suo sguardo oscillava dal capolettera istoriato al corpetto della ragazza. Un corpetto di velluto rosa pesca aderente, con i ricami d’oro. Il rigonfio del seno attirava la sua mano. Non doveva accarezzarla di nuovo! Doveva insegnarle. Ma i capelli miele di lei ricadevano sulla mammella come un invito soffice. Continua a leggere