Laura Liberale

Ancora Paolo Logli, su di noi (e per noi)

http://paolologli.blogspot.it/2014/05/pere-lachaise-racconti-dalle-tombe-di.html

 

Annunci

Un’antologia ambientata al cimitero Père-Lachaise di Parigi, Claudia Boscolo

clobosfera

Perché ambientare un’antologia nel più famoso cimitero del mondo? Non è un’idea balzana, una di quelle cose un po’ elitarie, da lettori svenevoli e amanti dei cliché, forse anche un po’ barocca?

Chi ci è stato sa che il cimitero Père Lachaise di Parigi è uno dei luoghi più suggestivi del vecchio continente. Imboccando il vialetto di ingresso si percepisce da subito la solennità del luogo, e un fremito coglie il visitatore alla vista dell’impressionante successione di nomi che risaltano sulle tombe. E allora perché non far rivivere questi personaggi, rendendoli protagonisti di brevi racconti che colgono aspetti meno noti delle loro vite, mescolando realtà storica e immaginazione?

Il progetto di questa antologia nasce grazie alla sinergia fra la curatrice Laura Liberale e l’editrice Raluca Lazarovici Vereș, che hanno creato la collana Italia Felix di Ratio et Revelatio. Si tratta di un progetto che vuole raggiungere un pubblico bilingue, italiano e rumeno…

View original post 206 altre parole

Incipit (16): 18. Il sangue

Jean-Paul e ioClaudia Boscolo

Image

Su quella tomba spoglia e fredda un medaglione ricorda la mia fisionomia, ma il corpo non è lì dentro. Il corpo è rimasto nell’esilio. A viaggiare, dopo la mia morte, solo il mio cuore. Fu messo in uno scrigno e trasportato qui, nella mia terra, come simbolo del mio amore per la Patria che sempre difesi, e del mio spirito animato dai furori della Rivoluzione.

Questa la vulgata. Ma io, Jacques-Louis, ora vi racconterò ciò che accadde realmente.

Continua a leggere

Incipit (15): 79. Il ladro

Il gatto ladro. Melodramma semiserio in due atti, Francesca Bonafini

 Image

Personaggi:

Carlo Attilio Belante – basso

Iolanda Lippoli, sua moglie – soprano

Gioachino Rossini Gatto – castrato

Gioachino Rossini Spirito – tenore

 

Ouverture

Correva l’anno 1999 quando lo scrittore Carlo Attilio Belante fu lasciato da Iolanda Lippoli, sua moglie, la quale se ne andò di casa portando con sé il pingue Gioachino Rossini, un florido e bellissimo gatto il cui manto rosso aveva determinato per semplice assonanza la scelta del nome.

L’abbandonato, uomo capriccioso e volubile nonché prolifico autore di grossolani romanzetti soft porno di discreto successo commerciale, sperimentò per la prima volta in vita sua la sensazione di horror vacui che attanaglia un narratore quando non riesce più a buttar giù neanche la lista della spesa. Continua a leggere

Incipit (14): 9. La figliolanza

Quarantanove giorniSara Gamberini 

Image

Mi scriverai?

Ora che sono sdraiata su questa terra, insieme a te, mi posso finalmente allontanare senza patire l’assenza del tuo sguardo. Decomposti, i miei piedi saranno polvere insieme alle tue mani; abbiamo una rosa sullo stomaco rimasta intatta, chissà perché. Continua a leggere

Incipit (13): 28. I seni

Il rapitore di stelleCaterina Falconi 

Image

Il sogno l’aveva svegliato. Quel sogno era la causa di tutto.

Aveva rivisto il libro di pergamena, ne aveva sentito il peso tra le mani, e s’era disperato di non riuscire a concentrarsi sulle pagine aperte, perché il suo sguardo oscillava dal capolettera istoriato al corpetto della ragazza. Un corpetto di velluto rosa pesca aderente, con i ricami d’oro. Il rigonfio del seno attirava la sua mano. Non doveva accarezzarla di nuovo! Doveva insegnarle. Ma i capelli miele di lei ricadevano sulla mammella come un invito soffice. Continua a leggere

Incipit (12): 72. Lo stupore

Voilà, Mr Mojo Risin’Paolo Logli

 Image

Parrebbe, a un primo sguardo distratto, che la nebbia sia solamente una convenzione narrativa. Io dico che forse sarebbe peggio venire qui – per dire – col sole e quaranta gradi all’ombra; allora sì che la contraddizione sarebbe maggiore, dolorosamente stridente. Ma tant’è. Mentre mi avvio nel vialetto, a passo lento, che camminare non mi distolga dal guardarmi attorno, velature di bianco umido e stracciato stagnano svogliate sul terreno, e tutto si adegua docilmente allo scenario di contrizione. Mucchi di foglie svolazzano, sparpagliati da brezze gelide e acuminate, e i rami degli alberi sono crepe nere stampigliate contro il vetro del cielo. Continua a leggere